Centro Risorse Disabilità

Logo del CTI EuropaLa legge 5 febbraio 1992, n.104 garantisce il diritto all’educazione e all’istruzione della persona disabile nelle istituzioni scolastiche.

Per garantire tale diritto viene promossa una vasta gamma di interventi al fine di assicurare e migliorare l’integrazione scolastica del disabile con l’apporto congiunto e sinergico di diversi contributi sia da parte dell’Amministrazione centrale e periferica che da parte di altri soggetti istituzionali (Ministero della Salute, Ministero del Lavoro, Ministero delle tecnologie), di Enti locali e associazioni che operano nel campo dell’integrazione”.

Il MIUR con la collaborazione di tali enti ha dato vita al Progetto dei CTI “Centri Territoriali per l’Inclusione”, che hanno la finalità di valorizzare le migliori pratiche esistenti e già realizzate (a livello nazionale, europeo ed internazionale) e renderle concretamente disponibili alle scuole e a tutti i docenti che si trovano ad inserire in un gruppo classe uno studente diversamente abile. Ciò viene realizzato:

  • costruendo un sistema di documentazione di buone pratiche (CMS o KSS).
  • realizzando una formazione specifica per gli operatori partecipanti al progetto sulla base di contenuti e competenze stabiliti dal progetto stesso.
  • incrementando (affiancando i finanziamenti ordinari) la dotazione di hardware e software per l’integrazione scolastica degli studenti disabili.
  • svolgendo azioni mirate di ricerca-azione su alcune disabilità specifiche (disabili ciechi, dislessici, autistici, ed altri) coinvolgendo i soggetti maggiormente qualificati a livello nazionale e internazionale, come scuole, reti di scuole, enti di ricerca, soggetti privati.

E’ stato appena pubblicato il portale www.includiamo.it, nel quale confluiranno risorse e materiale didattico inclusivi realizzati da 15 scuole appartenenti ad una rete avente per capofila l’ISIS EUropa.